martedì 31 maggio 2016

Labyrinth - the board game (dV Giochi)

E’ uscita qualche giorno fa la notizia che, in occasione del trentennale del film Labyrinth - Dove tutto è possibile (1986) diretto da Jim Henson, la dV Giochi pubblicherà l’edizione italiana del gioco da tavolo.
Devo esser sincero, e chiedo scusa a tutti i fans, ma non sapevo dell’esistenza di questo film! Quindi son stato costretto a cercare su internet cosa fosse e in due parole la trama è questa:
Sarah ( Jennifer Connelly) deve vagare in uno strano labirinto fantastico per recuperare il fratellino rapito da Jareth il re dei Goblin, interpretato da David Bowie. Nella sua avventura incontrerà vari personaggi fantastici che interagiranno con lei per aiutarla o intralciarla. Come trama mi ha ricordato molto Alice nel paese delle meraviglie e come sceneggiatura\costumi Fantaghirò. Chiudo la parentesi sul film e mi sposto sul gioco.

giovedì 26 maggio 2016

Unboxing Pozioni Esplosive (Horrible Games)

Quest'anno a Play era uno dei titoli più provati e che ha registrato un buon successo anche nelle vendite. Pozioni Esplosive, pubblicato da Horrible Games e distribuito da Ghenos, ci aveva incuriosito molto l'idea appena uscito, ma volevamo toccare con mano il prodotto e la fiera è stata l'occasione giusta per testarlo. Ci siamo divertiti e ce ne siamo portati a casa ben due copie.
Il concetto di fondo, che trae spunto dai puzzle games che spopolano sugli smartphone è di comprensione praticamente immediata e ha riscosso successo anche tra i più piccoli. Ottimi materiali, impatto scenico notevole, durata contenuta e adattabilità ai vari tipi di giocatori ne hanno fatto un titolo che al momento sta andando alla grande e sta catturando la soddisfazione dei neofiti come dei più esperti.

martedì 24 maggio 2016

Tides of Time (il Compulsivo)

Dopo qualche mese di latitanza torno a parlare di un gioco per due giocatori, tipologia che ricerco di continuo viste le diverse occasioni in cui mi ritrovo a giocare il 1vs1 con gli amici e nel dopocena di alcune trasferte di lavoro. In questo lasso di tempo la mia collezione di giochi per due si è ulteriormente allargata (con solo un paio di cessioni se non ricordo male) quindi spero di poter riprendere a scrivere con continuità in questa direzione.
Oggi parliamo di Tides of Time, pubblicato dalla Portal nel 2015 e localizzato dalla Cranio Creations e dalla uplay.it edizioni in collaborazione, copia italiana di cui sono venuto in possesso a Play. Vi annuncio inoltre che parto positivamente prevenuto su questo gioco, attirato dai materiali minimal e sparaflashato dopo una veloce demo a Essen. ToT è un gioco di draft al servizio della collezione di set, con lo scopo di raggranellare più punti vittoria possibile.

lunedì 23 maggio 2016

Nomination Spiel des Jahres 2016

Sul sito dello SdJ sono state annunciate le nomination per l'anno 2016. Eccole di seguito per le tre categorie:

Spiel des Jahres 2016
CODENAMES di Vlaada Chvátil
IMHOTEP di Phil Walker-Harding
KARUBA di Rüdiger Dorn

Kinderspiel des Jahres 2016
LEO MUSS ZUM FRISEUR di Leo Colovini
MMM! di Reiner Knizia
STONE AGE JUNIOR di Marco Teubner

Kennerspiel des Jahres 2016
ISLE OF SKYE di Alexander Pfister e Andreas Pelikan
PANDEMIC LEGACY - SEASON 1 di Matt Leacock e Rob Daviau
T.I.M.E STORIES di Manuel Rozoy

giovedì 19 maggio 2016

Unboxing Yeti (dV Giochi)

Un freddo cane, cime innevate e dirupi scoscesi... Cerca sull'Himalaya le tracce del misterioso uomo delle nevi... è con questo incipit che si presenta Yeti, family game per 2-5 giocatori e durata contenuta (siamo intorno alla mezz'ora), da qualche settimana nel catalogo dV Giochi e nella scatola del quale oggi andiamo a dare insieme una sbirciata.
La combinazione autore (Schwer) e illustratore (Lohausen) sembra studiata a tavolino per la realizzazione di un prodotto ben mirato al target, con il primo da un paio di anni impegnato su titoli Haba e il secondo reduce dal successo di Camel Up. Come potrete vedere nel video i materiali sono ottimi, con dadi e token di legno di grosse dimensioni e una montagna tridimensionale che colpirà di certo l'occhio, il tutto a corredo di un regolamento semplice che potete leggere qui.

martedì 17 maggio 2016

Shakespeare: l'attesa ripagata (Elerand)


Inseguito da Khoril per mesi, Shakespeare è finalmente arrivato in collezione insieme alla vagonata di titoli post Play. Come sempre in questi casi le aspettative dopo tanta attesa erano alte e, confesso che mentre preparavamo il tavolo per la prima partita ci è venuto il dubbio che fosse un buco nell'acqua. Fortunatamente è rimasto solo un dubbio momentaneo, perché le prove fatte in queste settimane ci hanno convinto in pieno.
Facciamo un passo indietro, e se non avete chiaro il gioco lo spieghiamo in due parole. Siamo compagnie teatrali londinesi e dovremo concorrere per allestire il miglior spettacolo in vista dell'imminente visita della regina. Lo faremo avendo a disposizione sei giorni (che rappresentano i 6 turni di gioco) per reclutare attori, artigiani, creare costumi e allestire il palcoscenico per ottenere il maggior prestigio.

giovedì 12 maggio 2016

Unboxing Cthulhu Realms (Pendragon Game Studio)

Un paio di anni fa la White Wizard Games è salita agli onori delle cronache grazie alla scatoletta piena di divertimento di Star Realms; quest'anno la ADC Blackfire Entertainment (già coeditrice di SR) prova a raccogliere l'eredità e rinfrescandone le dinamiche porta sui nostri tavoli un gioco con un'ambientazione ricca di estimatori: i miti lovecraftiani. In più, lacuna del progenitore, il gioco nasce progettato per il gioco multiplayer (fino a 4) e su bgg potete già trovare una variante per provarlo in solitario.

Grazie a Pendragon Game Studio il gioco è stato localizzato in italiano (i nomi delle carte e le regole) e dopo l'anteprima di Play è ora disponibile negli store, come già da qualche settimana è possibile dare un occhio al regolamento scaricabile a questo link. Stranamente nella mia confezione non ho trovato i token per segnare il livello di sanità mentale.

martedì 10 maggio 2016

SeaFall, il mio primo Legacy? (il Compulsivo)

Non mi sono comprato Risk Legacy perché è Risk, non sono caduto nella trappola di Pandemic perché ho il gioco classico e dopo un sacco di partite un po' mi ha stufato, però SeaFall mi sta facendo prudere le mani... e il portafogli, vediamo se può convincermi nonostante non sia uno di quei giochi che tipicamente approccerei.

Senza entrare nella spiegazione di cosa sia un gioco Legacy, SeaFall, che sarà pubblicato questa estate dalla Plaid Hat Games, ci offre la possibilità di controllare una provincia marittima, e in quanto leader dovremo decidere delle esplorazioni, il commercio, le razzie e come espandere il nostro dominio con lo scopo finale di diventare Imperatori. Le decisioni che prenderemo saranno permanenti sia sui materiali di gioco che sul regolamento (ci saranno nuove regole da applicare nei 23 slot numerati). Il gioco è per 3-5 giocatori e le partite (la campagna ne prevederà circa 15) dureranno tra i 90 e i 120 minuti, e vi sono delle regole che permettono il cambio del numero di giocatori tra una partita e l'altra.

venerdì 6 maggio 2016

Un italiano alla corte dell'International Gamers Awards

Da un paio di giorni è stato annunciata sul sito dell'International Gamers Awards la modifica alla composizione della giuria che assegna il premio e anche l'Italia è tirata in causa.

Vi sono 9 nuovi membri tra cui evidenziamo il secondo italiano (del comitato fa già parte da tempo Andrea Ligabue) della lista, Mauro Di Marco, che va a ricoprire questo importante ruolo grazie all'impegno profuso nella pubblicazione di Informazione Ludica a Scatola Aperta e come giurato del Goblin Magnifico.
Oltre a lui spiccano anche i nomi di Richard Ham (Rahdo Runs Through vi dice niente?) e Dale Yu (the Opinionated Gamers).


giovedì 5 maggio 2016

Unboxing Signorie (WYG?)

Se sei sempre alla ricerca di un bel german da esplorare e vittima del fascino barbuto di Dado Critico, difficilmente riuscirai a resistere a procurarti una copia di Signorie, gioco di Chiarvesio e Zizzi, per 2-4 giocatori pubblicato da What's Your Game?, gioco grandemente apprezzato dal blogger torinese. Io almeno non ho resistito.

Nonostante nella mia collezione sia da poco arrivato Sulle tracce di Marco Polo, gioco affine per idea alla base (gestione dell'alea legata ai dadi usati come lavoratori), Signorie si differenzia da esso per diverse scelte di design. Vi invito a provarli e a soffermarvi per esempio sul modo (molto diverso ma in entrambi i casi efficace) in cui le due coppie di autori hanno risolto il problema della mole di informazioni da gestire una volta lanciati i dadi e posti di fronte alle prime scelte.

martedì 3 maggio 2016

Il Gioco #1 e il vil denaro

La settimana scorsa ho ricevuto la mia copia del primo numero ufficiale de Il Gioco, la rivista delle esperienze ludiche. Il tema di fondo, il fil rouge scelto dalla redazione che lega tutti gli articoli, è quello dei soldi.
Inizio dicendo che l'impaginazione e il comparto grafico sono ottimi e si nota subito lo sforzo fatto per ottenere un livello che professionale; in tutta la rivista inoltre si trovano solo un paio di refusi, accettabile.

Il numero parte con il freno a mano tirato, il pezzo di Angiolino non ingrana e le informazioni che ci propone nella sua disamina storica dell'impatto del denaro nel mondo del gioco non mi hanno completamente soddisfatto; mi aspettavo di più.
Interessante la traduzione dell'articolo di Lysynski (pubblicato in origine su Casual Game Insider) a proposito del costo relativo dei giochi rispetto all'uso ripetuto che se ne può fare e rispetto ad altri passatempi.